Appuntamenti aperti al pubblico dal 3 al 10 giugno

Ci siamo. Il secondo worshop intensivo del progetto Atlas#Veronetta è alle porte. A partire da sabato 3 giugno un team di ricercatori francesi del Laa-Lavue (Laboratoire Architecture Anthropologie) Ensa Paris La Villette-CNRS torneranno a Verona per “Veronetta al quotidiano” che proseguirà fino al 10 giugno nella casa del custode del giardino di Palazzo Bocca Trezza. Oltre alle attività di ricerca e analisi, durante la settimana sono previsti alcuni momenti di incontro aperti a tutti.

In particolare, sabato 3 giugno è in programma una passeggiata nel quartiere con i ricercatori per far emergere i diversi “quotidiani” di Veronetta. La partenza sarà alle 10 dalla casa del custode del giardino di Palazzo Bocca Trezza. Martedì 6 giugno alle 20.30, sempre nel “quartier generale” del workshop, porte aperte ai cittadini per discutere insieme agli studiosi dei lavori in corso.  Nello stesso luogo, sabato 10 giugno alle 16, ci sarà la presentazione finale dei risultati della settimana di ricerca.

Il workshop coinvolgerà 16 studiosi francesi che lavoreranno a stretto contatto con i ricercatori dei dipartimenti Culture e Civiltà, Scienze giuridiche e Scienze umane dell’università di Verona. Sarà fondamentale, inoltre, la collaborazione dei cittadini e dei rappresentanti delle associazioni che compongono il consorzio di Atlas#Veronetta.

Una passeggiata nei quotidiani del quartiere

Manca sempre meno all’appuntamento con “Veronetta al quotidiano” , secondo workshop intensivo del progetto Atlas#Veronetta, in programma dal 3 al 10 giugno. Per l’occasione è atteso a Verona un team di 16 ricercatori francesi del Laa-Lavue (Laboratoire Architecture Anthropologie) Ensa Paris La Villette-CNRS. Anche in questa nuova settimana di analisi sul campo gli studiosi hanno organizzato una passeggiata tra le vie del quartiere.

A febbraio la prima giornata di workshop era stata dedicata al “Rilievo dei tempi dei piani terra di Veronetta”, un giro nel quartiere con i ricercatori realizzato con lo scopo di capire come funziona dal punto di vista temporale.
Il 3 giugno, invece,  i rappresentanti delle 22 associazioni del consorzio di Atlas e i cittadini interessati all’iniziativa accompagneranno gli studiosi  francesi alla scoperta dei quotidiani di Veronetta per far conoscere loro il quartiere attraverso gli occhi di chi ci abita e lo vive ogni giorno. L’appuntamento è alle 10 alla casa del custode del giardino di Palazzo Bocca Trezza, base operativa dei ricercatori durante la settimana del workshop.

Ricercatori e cittadini pronti per la passeggiata di febbraio

Ognuno potrà proporre la sua passeggiata e mostrare così ai ricercatori la “sua” Veronetta. Per partecipare con un proprio itinerario è sufficiente scrivere a alessia.debiase@paris-lavillette.archi.fr.

 

Gli sviluppi delle ricerche dei team dell’UniVr

Partire da Veronetta per analizzare la città. È questa la sfida del progetto Atlas#Veronetta che si appresta a vivere il suo secondo workshop intensivo, in programma dal 3 al 10 giugno. Questo approccio allo studio di Verona è stato scelto anche dai docenti dell’università di Roma Tre che hanno accompagnato un gruppo di studenti in visita nella città scaligera. Il team di Geografia del dipartimento Culture e Civiltà li ha accompagnati tra le vie di Veronetta, ottenendo anche spunti preziosi per il proseguo della ricerca di Atlas.

Abbiamo intervistato la docente dell’università di Verona Emanuela Gamberoni e la docente dell’ateneo romano Isabelle Dumont.

In attesa dell’arrivo dei ricercatori del Laa-Lavue (Laboratoire Architecture Anthropologie) Ensa Paris La Villette-CNRS per il workshop intensivo, continuano le rilevazioni, le interviste e le analisi dei team dei dipartimenti dell’università di Verona. Oltre al già citato gruppo di Geografia, gli antropologi del dipartimento Culture e Civiltà stanno proseguendo con gli incontri dedicati al “Gioco di Veronetta”, un modo creativo e divertente per studiare il quartiere attraverso la voce dei cittadini. Il dipartimento di Scienze umane, invece, ha concluso la rilevazione delle opinione dei residenti sull’impatto della presenza dell’università nel quartiere e ha iniziato la fase di analisi dei dati. Il team del dipartimento di Scienze giuridiche, infine, è al lavoro per offrire una prospettiva giuridica allo studio di spazi, tempi e relazioni che compongono il contesto urbano di Veronetta.

Veronetta al quotidiano: secondo workshop di Atlas

Il quartiere di Veronetta si sta preparando ad accogliere di nuovo il team di ricercatori del Laa-Lavue (Laboratoire Architecture Anthropologie) Ensa Paris La Villette-CNRS. Dal 3 al 10 giugno è in programma il secondo workshop di Atlas#Veronetta.

Dopo essersi soffermati sull’analisi dei “tempi” del quartiere durante la prima settimana di lavoro intensivo sul campo, che si è svolta nel febbraio scorso, questa volta gli studiosi analizzeranno le quotidianità di Veronetta. La ricerca si svolgerà con la collaborazione dei team dei dipartimenti Culture e civiltà, Scienze giuridiche e Scienze umane dell’università di Verona, che si confronteranno con il gruppo di Parigi sui risultati ottenuti dalle rispettive analisi. Infine, già a partire dal primo giorno di workshop, sarà fondamentale il contributo della rete associativa di Atlas e dei singoli cittadini: sono in programma, infatti, delle passeggiate organizzate dalle associazioni attraverso i diversi quotidiani del quartiere. Sarà infine possibile incontrare i ricercatori al lavoro nella casa del custode del giardino di Palazzo Bocca Trezza che, come a febbraio, sarà la base operativa del team francese.

Maggiori informazioni sull’appuntamento e sugli eventi aperti al pubblico saranno disponibili nelle prossime settimane su questo sito!
Intanto abbiamo contattato telefonicamente Alessia de Biase e le abbiamo chiesto di presentarci le attività e gli obiettivi di questo secondo workshop intensivo.

 

Alla scoperta di Fonderia 20.9

Dal 2015 via XX Settembre, uno dei cuori del quartiere di Veronetta, ospita una nuova realtà. Si chiama Fonderia 20.9 ed è un’associazione culturale nata con l’intento di creare un luogo dove poter diffondere e condividere la cultura fotografica. È entrata da subito nella rete del progetto Atlas#Veronetta e ha collaborato anche alla realizzazione di questo sito, scattando molte delle foto del quartiere qui pubblicate.

Fonderia 20.9 prende il nome  dalla vicina fonderia di campane Cavadini, vera e propria istituzione nel quartiere che ha chiuso i battenti nel 1974, e dalla via in cui si trova, XX settembre appunto. Oltre ad offrire un programma espositivo di artisti sia emergenti che affermati, l’associazione si pone come un luogo di aggregazione rivolto a chiunque si interessi di arti visive e senta il bisogno di confrontarsi con altri autori. Uno spazio aperto dove lavorare a progetti personali o comuni e dove poter consultare i volumi presenti in una piccola ma ricercata biblioteca. Fonderia 20.9 è, infine, uno spazio per le proiezioni e un laboratorio di stampa per gli associati.

Fondata da Francesco Biasi, Chiara Bandino e Emanuele Brutti, questa realtà ha trovato in Veronetta il luogo ideale dove muovere i primi passi e crescere. Oggi sono una decina i fotografi e gli artisti che orbitano attorno a Fonderia 20.9 e anche i cittadini del quartiere hanno spesso mostrato il loro interesse verso le attività proposte e promosse dall’associazione.
Tra i prossimi appuntamenti da segnare sull’agenda una mostra con le opere di quattro artisti veronesi, in programma a fine giugno.

Siamo andati a trovare i soci fondatori e abbiamo fatto quattro chiacchiere con Francesco Biasi.